Poesie

 LA POESIA ARRIVA DOPO

La poesia arriva dopo.
Dopo lunghe pause
strappate alle montagne,
oltre i muri lividi,
oltre le preghiere.
In un solo verso.
La poesia arriva dopo,
o mille volte prima.

(da “Fin dentro il mattino”, Fondazione M. Luzi Editore)

.

*

.

LE EFEMERE

S’alza il canto affollato
di sciami di efemere stremate
sull’acqua stagnante,
in un cerchio di sassi.
La vita
breve come un sorriso
si sfalda, si ritira sulle rive
senza mai sfiorarle.

(da “Fin dentro il mattino”, Fondazione M. Luzi Editore)

.

*

.

RITORNARE FOSSILI

Ricordati che
il dissetare
è un risalire
obliquo
in un qualsiasi luogo
come in nessun luogo.
Un resistere,
attendendo
di ritornare fossili.

(da “Dove si posa il bianco”, Sillabe di Sale Editore)

.

*

.

IL BIANCO

Il bianco
muta direzione
ad ogni sguardo.
Diventa luogo
che cerca e indaga
l’inesplorato orizzonte
di cellule e meduse.
Lasciando tracce
cariche di poesia.

(da “Dove si posa il bianco”, Sillabe di Sale Editore)

.

*

.

ISOLE

Isole
velate, coperte
chiuse sui crinali del silenzio
nel tempo senza tempo.
Nascono e rinascono
su altri volti,
nel tepore equoreo
non so su quale spiaggia.
Isole
quasi rubate,
precedono i respiri
alle nostre spalle.
Isole,
ancora isole
mi attendono.

(da “Quando sorride il mare”, AG Book Publishing)

.

*

.

Ed eri mare. Ossia incontro
di spirito e carne ma anche
il luogo di resurrezione.
Enorme palcoscenico
fra gli dèi e gli uomini.

(da “Quando sorride il mare”, AG Book Publishing)